27. 12. 2016
UE

Le interviste agli stakeholders di greenGain: consigli per le politiche e per il business.

I quadri istituzionale, politico, finanziario e governativo a riguardo degli usi energetici della biomassa LCMW sono stati analizzati da 31 esperti attraverso altrettante interviste condotte dai partner di progetto: i risultati indirizzano sia lo sviluppo di politiche adeguate che lo sviluppo del business.

Nel WP6 “Politiche, finanza, governance e pubblica accettazione” 31 attori interessati a tutti I livelli della filiera sono stati intervistati al fine di raccogliere informazioni teoriche e pratiche su politiche, finanza, governance e pubblica accettazione dei progetti legati alle biomasse, per poter elaborare una serie comprensiva di raccomandazioni per la Carta Strategica finale (D6.4).

I risultati verranno combinati con I risultati delle ricerche di letteratura e discussi nei gruppi di lavoro dei portatori di interesse (Stakeholders Working Groups – SWG) per la validazione.

Figura 1: Schema Logico della valutazione greenGain dei quadri istituzionale, politico, finanziario e governativo per l’utilizzo delle materie prime provenienti da LCMW (elaborazione: Federico De Filippi, SOGESCA).

Figura 1: Schema Logico della valutazione greenGain dei quadri istituzionale, politico, finanziario e governativo per l’utilizzo delle materie prime provenienti da LCMW (elaborazione: Federico De Filippi, SOGESCA).

Le interviste hanno fornito un doppio set di indicazioni:

Indicazioni utili per la fornitura di Raccomandazioni Politiche nell’ottica di un approccio top-down e che riguardano elementi che non possono essere controllati di attori della filiera e che possono essere influenzati solamente in forma indiretta, ed idicazioni relative allo sviluppo del business.

Quattro aree tematiche sono state individuate dal lato delle raccomandazioni politiche:

  • Incentivi:
    • Il supporto a livello nazionale dovrebbe essere garantito per lo sviluppo di nuove tecnologie a piccola scala
    • Sussidi dovrebbero essere forniti a grandi consumatori per supportare il loro ricorso alle biomasse
    • Le certificazioni dovrebbero essere promosse a tutti I livelli
  • Regolamenti:
    • Sono necessari una chiara definizione, ambito di applicazione e normativa chiara per le biomasse da LCMW
    • Standard chiari dovrebbero essere fissati a livello UE per la definizione di rifiuto e sottoprodotto nell’ambito delle biomasse
    • Chiari regolamenti e informazioni dovrebbero essere prodotti per illustrare la necessità dei Lavori di manutenzione e conservazione del paesaggio in aree protette al fine di moderare i conflitti legati alla conservazione degli ecosistemi
    • Le energie rinnovabili dovrebbero essere incluse nei sistemi di Gestione dei rifiuti
    • Le aziende dovrebbero essere obbligati a produrre/consumare Energia rinnovabile in una determinata percentuale rispetto ai propri consumi
    • Il numero di camini, sia che siano da impianti a biomasse che a fonti fossili, dovrebbe essere fisso nel tempo, in modo da evitare speculazioni finanziarie
  • Supporto alle autorità locali
    • Il sostegno regionale e nazionale dovrebbero essere forniti con continuità alle autorità locali per i progetti pilota e per servizi di consulenza
  • informazione e pubblica accettazione:
    • Informazioni chiare devono essere fornite sulle politiche di finanziamento delle rinnovabili e sulla fatturazione dell’energia elettrica (es. specificando la copertura finanziaria degli incentivi per le rinnovabili)
    • Udienze pubbliche dovrebbero essere organizzate per presentare progetti di centrali al di sopra di determinate potenze

Di seguito sono illustrati i risultati utili per lo sviluppo di un modello di business efficace attraverso un approccio bottom-up, secondo gli elementi che sono sotto il controllo o l’influenza diretta degli attori della catena di approvvigionamento e che presentano un potenziale applicazione diretta nelle regioni modello. Tre aree tematiche sono state individuate:

  • Sviluppo imprenditoriale:
    • La sicurezza delle fornitura di materie prime è una condizione fondamentale. I contratti di medio-lungo termine sono raccomandati, assieme all’applicazione di economie di scala per quanto riguarda forniture e fornitori
    • I fattori di riduzione devono essere considerati quando viene valutato il potenziale produttivo di un territorio (vedi anche prossimo articolo di questa newsletter sulla stime di biomasse di greenGain)
    • Qualità e uniformità: proprietà comparabili e coerenti della biomassa LCMW dovrebbero essere garantite nel tempo
    • Complementarità delle biomasse LCMW: lo sfruttamento dell’energia da LCMW in sé potrebbe raramente essere sufficiente come core business per un’azienda / piattaforma logistica / impianto di produzione di energia
    • La certificazione è raccomandata a tutti I livelli
    • Chiusura dei cicli: domanda e offerta di biomasse da energia dovrebbero combaciare a livello locale
  • Governance:
    • Un approccio di filiera deve essere utilizzato, assicurando la disponibilità di attori e strutture per tutte le fasi della filiera prima di impegnarsi in investimenti
    • Piattaforme logistiche: strutture di stoccaggio, selezione e aree per trattamenti per fornire un valore aggiunto a biomasse dovrebbero essere promosse
    • La frammentazione della proprietà e delle regole di accesso alle biomasse dovrà essere superata
    • Iniziative da parte della comunità locale (es. Patti di cooperazione, investimenti comunitari e gruppi d’acquisto) dovranno essere supportati
  • Accettazione pubblica:
    • Opportune misure di mitigazione e compensazione devono essere automaticamente previste per nuovi impianti
    • Laboratori energetici e audizioni pubbliche dovrebbero essere promossi
    • Gli attori locali dovrebbero essere invitati a visitare altri impianti simili, al fine di comprendere I processi e gli impatti
    • La valutazione degli impatti ambientali dovrebbe essere tramite un approccio secondo il ciclo di vita (LCA) e pubblicata (dovrebbero essere resi noti gli effetti economici, ambientali e sociali del progetto)

Autore: Federico De Filippi (SOGESCA)

Torna a tutte le notizie